Israele

 

Sognate spiagge dorate? Siete alla ricerca di grandi spazi all’aria aperta, di paesaggi sorprendenti e allo stesso tempo non volete rinunciare alle ultime tendenze? Preparate i bagagli Israele è il posto che fa per voi!

Sono stata in Israele durante le festività di Pasqua qualche anno fa e l’ho visitato spostandomi in autobus e dormendo principalmente in ostelli: è stato un viaggio low cost e all’avventura ma senza farmi mancare nulla. Mi sono lasciata affascinare dai paesaggi incredibili e ho conosciuto persone meravigliose. In questo articolo vi racconterò cosa vedere e cosa fare in questo Paese meraviglioso in cui la storia e l’archeologia si intrecciano con la modernità creando un mix unico e indimenticabile.

DSC_1023

Israele quando partire

Se state organizzando un viaggio in Israele e non sapete in quale periodo sia meglio visitare questo Paese la risposta è tutto l’anno! Tuttavia bisogna tenere presente che l’inverno è il periodo di bassa stagione mentre in estate si verifica il periodo di maggior affluenza per i turisti sebbene sia molto calda. A Tel Aviv il clima è caldo e umido e la temperatura supera facilmente i 30 gradi. Per questo i mesi che consiglio a chi, come me, ama il mare e allo stesso tempo vuole visitare le città sono aprile, maggio, settembre e ottobre.

Documenti

Prima di partire per Israele accertatevi di avere un passaporto con validità superiore ai sei mesi dalla data di ingresso. Per i cittadini italiani che prevedono un soggiorno inferiore ai sei mesi non servirà nulla di più. Durante il volo vengono consegnati due moduli da compilare con i propri dati personali di cui una copia va conservata e presentata al momento della partenza. E’ possibile che i controlli durino un po’ e che vi facciano molte domande sopratutto se sul passaporto avete qualche timbro di un Paese di religione Islamica. Ad esempio il timbro del Marocco sul mio ha comportato qualche domandina in più sul motivo della mia visita.

DSC_0195

Israele cosa vedere

Per quanto Israele sia un Paese relativamente piccolo, percorribile in circa 8 ore d’auto da Nord a Sud, le cose da vedere sono infinite. Purtroppo per questioni di tempo ho visitato solo Gerusalemme, Tel Aviv, la regione centrale e il Mar Morto e non sono riuscita a vedere i territori palestinesi, ma Mai dire Mai tornerò per vederli!

Tel Aviv

Spesso chiamata la città che non si ferma mai. Tel Aviv è un luogo incantevole e pieno di energia. Sono andata a trovare il mio amico Dan durante il periodo di Pasqua (Pass Over) ed è stato un cicerone davvero eccezionale. Grazie a lui ho scoperto mercati pieni di colori e profumi mai sentiti, mi sono persa nelle affascinanti vie di Jaffa e provato la famosa vita notturna sui roof top della città moderna sorseggiando un paio di cocktail. Solo un brunch in spiaggia condito da condizioni climatiche ideali ha consentito che proseguissi il mio percorso culturale!

Gerusalemme

Gerusalemme, la città tre volte santa, è capace di esercitare un fascino davvero incredibile. Una delle città più famose al mondo per gli eventi religiosi, è il luogo in cui sono custodite le tre pietre: il muro occidentale per gli ebrei, il Santo Sepolcro per i cristiani, la Roccia di Maometto per i musulmani. La città ha più di 3.000 anni ed è ricca di testimonianze archeologiche e artistiche che non possono lasciare indifferenti. Se avete poco tempo a disposizione e non sapete da che parte cominciare ci sono dei free walking tour della città antica con guida in inglese che sono perfetti per conoscere la storia e vedere i monumenti principali e, perché no, incontrare altri viaggiatori e scambiarsi qualche consiglio di viaggio.

Il mio consiglio però è quello di  assaporare lentamente questa città. Proprio per il suo mix di culture e religioni, merita di essere vista in un paio di giorni in modo da avere il tempo di assimilare tutto. Passare dal Sacro Sepolcro al Muro del Pianto camminando per le vie della Città Vecchia non può non suscitare emozioni profonde.

 

 

Il Mar Morto

DSC_1051Lasciatevi incantare dalla magia del luogo più basso della Terra. Il Mar morto, 428 m sotto il livello del mare è un posto unico di guarigione per il corpo e per l’anima. Fare il bagno in queste acque salatissime è un’esperienza pazzesca. Si galleggia! Fare  il “morto” non è mai stato così facile!!! Al contrario è difficile non stare a galla. Unico consiglio non mettete mai la testa sotto. Mi avevano avvisata ma ovviamente io ho voluto provare, non fatelo! La pelle del viso e gli occhi bruceranno tantissimo e correrete fuori dall’acqua per sciacquarvi sotto la doccia (ne so qualcosa)! Tutto intorno il deserto. Ma non vi preoccupate sulle coste ci sono Spa e stazioni balneari per tutti i gusti e tutte le tasche.

Sono arrivata da Gerusalemme in autobus e alloggiavo Beit Sarah Guest House in En Gedi un posto decisamente pulito e ordinato con aree separate per donne e uomini. Camerate da sei con terrazza e bagno, la spesa è stata di 118 Shekel (circa 30 euro) a notte con una super colazione inclusa. Questa è la location perfetta per il Mar Morto e per visitare l’En Gedi Nature Reserve and National Park, un’area protetta che ospita diverse specie animali e le cascate di Davide. In mezzo al deserto e alle grotte spicca questa sorgente. Non troppo lontano c’è la fortezza Masada arroccata su un isolato altopiano che guarda il mar Morto da qui l’alba è spettacolare.

Israele cosa mangiare

La cucina israeliana è ricca di sapori. Io ho mangiato Hummus di ceci e Falafel per una settimana! Ma ci sono tantissimi altri piatti gustosi come la Hakshuka, uova annegate nel pomodoro e spezie, la Shawarma carne di pecora o tacchino cotta allo spiedo tagliata tipo Kebab che fa da ripieno insieme a verdure e salse a alla tipica pita.

Se come me al ritorno dai viaggi soffrite di nostalgia e volete gustare di nuovo dei Falafel deliziosi a Milano potete trovarli da Pita concept.

 Donne in viaggio da sole

Se portate con voi un po’ di buonsenso Israele non è un Paese pericoloso per donne che viaggiano da sole. Nel mio viaggio anche se ho conosciuto altre persone gli spostamenti li ho fatti per lo più da sola e con i mezzi pubblici non ho mai avuto la sensazione di essere in pericolo.

 

Se non sei ancora stanco e vuoi saperne di più sui miei viaggi da sola:

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. lupusinfabula2016 ha detto:

    Bella descrizione e preso nota di Gerusalemme!!!!

  2. pikaciccio ha detto:

    noi viaggiamo in coppia ma ci piacciono le donne che viaggiano da sole …. complimenti er l’articolo e per il viaggio

    1. Vicky ha detto:

      Grazie!

Rispondi